Skip to content

Tagli e tangenti

marzo 17, 2013

Pedinato fotografato e registrato dal 2008 Sbardolini l’ex DA del San Paolo, uno dei primi teorici del taglio all’incentivo dei lavoratori, cade nell’ennesima retata per dirigenti padani e pidiellini lombardi avvinghiati alle solite pratiche mafiose e tangentare. Ma l’operazione non è affatto conclusa, “Infinito” sembra non terminare mai esattamente come le pessime abitudini di una classe dirigente politicante buona soltanto a rubare alla grande in Sanità e a chiedere contemporaneamente un sacco di sacrifici ai cittadini e ai lavoratori.

paolaccio64

Sapevano di essere già stati citati telefonicamente da boss come quel Barranca o quel Neri che a loro avevano stranamente qualcosa da dire, eppure gli stessi che come Sbardolini teorizzavano il taglio all’incentivo dei lavoratori del San Paolo nello storico inverno di lotta del 2010 di energie ne avevano ancora da spendere per intascar sotto casa anticipi di megatangenti frutto degli “aggiustamenti” in sede di gara d’appalto. Li pedinavano ormai da anni vedendo le reti riempirsi man mano di pesci piccoli e grandi, poi le ultime rivelazioni della PM Alessandra Dolci qualche mese fa al processo di “infinito” su certi progetti tesi a inviare – in cambio di voti elettorali controllati e ben custoditi nei serbatoi del clientelismo politico – certi infermieri oppor-tunamente ammaestrati in apposite cooperative di servizi da utilizzare al carcere di Opera magari per far da postini ai boss, tutto all’ombra dei soliti politicanti regionali pronti a tutto pur di farsi eleggere. Nulla di strano allora se nel consiglio regionale “verde Lega” più inquisito del mondo si ispirano gli appalti d’ingegneria clinica da 9 milioni di Euro decisi a maggioranza con i voti degli idraulici, così vanno le cose in questa parte del mondo dove l’ingegno e la capacità soccombono regolarmente sotto il peso delle convenienze politiche che da tempi immemori spolpano la cosa pubblica e i suoi interessi!
logo usi-ait[1]
Eppure sono proprio costoro che indefessamente parlano dei sacrifici e dei tagli che dovremmo sopportare in nome di chissà quale riformismo e, naturalmente, dell’Europa bancaria tutta: ma vaffanculo!

FONTE: il Paolaccio giornale dell’Unione Sndacale Italiana USI SAnità n. 66 marzo 2013

Annunci

From → anarcosindalismo

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: