Skip to content

NO MUOS: alla contestazione pacifica lo Stato risponde con la repressione.

aprile 23, 2013

Niscemi, arrestati i pacifisti saliti sulle antenne. Davanti al Commissariato è scontro tra polizia e manifestanti
di Daniela Sammito

Due dei quattro attivisti che, nella giornata di oggi, hanno scalato e occupato le antenne del sistema di telecomunicazioni militari NRTF-8, sono stati tratti in arresto.

L’uscita delle volanti – con a bordo Turi Vaccaro e Nicola Bocelli – dal cortile del Commissariato è stata ostacolata per circa mezz’ora da un gruppo di cinquanta persone accorse ad esprimere la loro solidarietà ai manifestanti arrestati.

Una ventina di agenti e le due autovetture della polizia hanno forzato il blocco. Ci sono stati scontri e colluttazioni e, alla fine, sono riusciti a passare.

Tra le persone riunitesi davanti al Commissariato, c’erano attivisti del presidio permanente di contrada Ulmo, membri dei Comitati No MUOS di varie parti della Sicilia, Mamme No MUOS e gente di Niscemi.

Amaro e condiviso il commento di molti di loro, al passaggio delle volanti: “E’ assurdo che la polizia, qui, a Niscemi, in un paesino ad alta densità mafiosa, si preoccupi di arrestare due pacifisti e non di contrastare la mafia, lasciando, ad esempio, la Calcestruzzi Piazza Srl lavorare all’interno del cantiere del MUOS senza il certificato antimafia”.

FONTE.

Annunci

From → Azione diretta

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: