Skip to content

Il CGA di fronte alle reazioni ed alle aggressioni fasciste

giugno 8, 2013

Pubblichiamo l’analisi sul ridondante rigurgito della violenza fascista, razzista ed omofoba in Francia formulato – il 28 maggio scorso – dal Coordinamento dei Gruppi Anarchici francesi. Esattamente una settimana prima dell’agguato mortale a Clément Méric. Ringraziamo Fabrice per la traduzione. Redazione.

clement

l CGA (Coordinamento dei Gruppi Anarchici) di fronte alle reazioni ed alle aggressioni fasciste

anti

Le proteste e le manifestazioni “contro il matrimonio per tutti” s’iscrivono, dall’inizio, in una logica reazionaria e omofoba poiché difendono l’ineguaglianza di diritti secondo l’orientamento sessuale.

È dunque senza sorpresa che i gruppi fascisti hanno trovato il loro posto dentro questa mobilitazione, che ha fatto da motore sociale permettendo loro di reclutare, di organizzarsi e di sentirsi legittimati a mettere in atto questa violenza in seno a questa contestazione. Le aggressioni omofobe sono cosi esplose e fanno parte di una strategia politica assunta da parte delle organizzazioni fasciste.

L’ascesa della destra radicale è evidente. Questa si colloca dentro un contesto di crisi e tenta d’investire sia il campo politico che quello sociale: apertura di locali “sociali” e aiuto “pseudo- umanitario”. Questa tenta di impiantarsi e di appropriarsi in modo fraudolento delle referenze ideologiche lontane da essa. Gli estremisti e i fascisti non indietreggiano in effetti davanti a nessuna infamia, per esempio contrapponendo gli operai,in lotta, della Peugeot di Aulnay agli omosessuali.

I fascisti mobilitano i primi contro i secondi, ma noi sappiamo che questo non è che un pretesto e che loro provano un odio incontestabile per i proletari in lotta che essi siano omosessuali o no, e per gli omosessuali, siano essi proletari o no.

In realtà, i gruppi di estrema destra e fascisti assumono il ruolo storico che è sempre stato loro esclusivo appannaggio ovvero:
sostituiscono la guerra del “tutti contro tutti” alla lotta di classe, costituendo – di fatto – il braccio armato dello Stato e della borghesia. Pronti – nel caso estremo – a far fronte ad una eventuale insurrezione popolare.

Per ora, si limitano ad imbastire una politica di terrore organizzata contro i/le militanti antifascisti/e in generale, i/le militanti libertari/e e i/le militanti LGBT.

1cm

Retorica d’esclusione, di violenza, aggressioni a persone isolate, tentativi d’attacco contro locali militanti, questo è il quotidiano di certe città della Francia metropolitana e riassume la strategia di questi gruppi di estrema destra, che hanno trovato in seno alle manifestazioni faziose in opposizione al “matrimonio per tutti”, un’espressione di massa alla loro propaganda fascista, omofoba, razzista e anti-operaia.

Il clima attuale di violenze in costante aumento, non dovrà lasciarci insensibili, cioè inattivi.

Dentro un contesto di esplosione della disoccupazione, dell’aumento della precarietà, del ribasso dei salari, del decollo degli affitti, di difficoltà all’accesso alle cure…

I libertari si devono mobilitare largamente e supportare la lotta contro il fascismo, dato che è una lotta totalmente collegata alla lotta contro il capitalismo.

La lotta antifascista deve costantemente riferirsi alla lotta sociale nel suo insieme.

clement
La borghesia e lo Stato favoriscono le correnti radicali e fasciste, correnti che rappresentano per loro un’ultima difesa contro un eventuale esplosione rivoluzionaria.

Oggi come ieri, questi sono i padroni e i reazionari che ci sfruttano! Loro che ci rendono precari, che ci licenziano. La borghesia e lo Stato, oggi come ieri, difendono i loro interessi che non sono i nostri!

L’aumento delle lotte con l’obiettivo di rimettere la questione sociale al centro delle preoccupazioni di tutti e tutte e l’organizzazione collettiva di un’autodifesa antifascista, devono condurci a indebolire le basi strategiche delle organizzazioni fasciste e autoritarie.


I libertari devono partecipare in massa a queste lotte e devono mettere davanti a tutto le dimensioni necessarie: antifasciste, lotte di classe, anti patriarcali, anticapitaliste e contro lo Stato.

Traduzione di Fabrice Mafe

Per visualizzare il comunicato della CGA all’indomani dell’aggressione clicca qui.

Annunci

From → Antifascismo

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: