Skip to content

No Muos: quali prospettive?

luglio 19, 2013

Il movimento contro il MUOS in pochi mesi ha bruciato molte tappe, passando dalla sensibilizzazione delle popolazioni ad una presenza incisiva sul territorio, dal presidio permanente ai blocchi, dalle azioni dirette al coinvolgimento della popolazione e all’estensione della lotta sul piano nazionale. Ha riportato all’attenzione il tema della militarizzazione del territorio e della sua smilitarizzazione. Ha anche provocato serie contraddizioni in ambito istituzionale, scatenando un conflitto tra Stato e Regione siciliana e stimolato un dibattito serrato nel settore scientifico a proposito dei rischi dell’ elettromagnetismo, come la relazione del prof. D’Amore ha dimostrato, smontando le risultanze di parte sia americana che dei periti venduti che a suo tempo dichiararono che “il MUOS non crea problemi per la salute delle persone”.

turi

La repressione non si è fatta attendere. Gli organi di polizia, su input del governo nazionale, a sua volta pressato dall’amministrazione statunitense, han tentato di fare il vuoto attorno ai compagni più coinvolti, cercando di sfiancarli e di intimorirli, come avviene ovunque le lotte dal basso sono incisive e contagiose. La campagna di mistificazione e di recupero d’immagine da parte della Marina militare americana, ha rilevato le sue difficoltà di fronte alla determinazione della popolazione di Niscemi e del movimento tutto, e ad un’opinione pubblica ostile ai suoi progetti.

Lo sciopero generale del 31 maggio ha evidenziato una volta per tutte le potenzialità del movimento e la disponibilità della popolazione ad abbracciarne la lotta; esso ha indicato in maniera forte e chiara come l’evoluzione della battaglia contro il MUOS non possa più prescindere da azioni e iniziative che non coinvolgano fette crescenti di popolazione. Tanto più che la repressione è tanto più forte e vincente quanto più isolati sono i compagni, e viceversa. Sta adesso all’intelligenza del movimento l’elaborazione di proposte che rafforzino la dimensione di massa della lotta.

Dare una centralità alla questione salute o ambientale si è dimostrato non solo insufficiente, ma anche pericoloso, vista la disponibilità di tecnici prezzolati (vedi Istituto Superiore di Sanità) a redigere relazioni palesemente e gravemente fasulle. La reazione del governo USA e dei suoi apparati dimostra come la posta in palio sia molto alta, e l’efficacia del loro sistema di guerra stia incontrando degli ostacoli seri in un territorio prescelto quale uno dei suoi quattro terminali terrestri. Hanno fretta, non solo perché ogni giorno di ritardo sono soldi persi, ma soprattutto perché non possono permettersi che una popolazione e degli attivisti si mettano di mezzo alle loro faccende, rischiando di contagiare altri popoli.

L’esperienza del movimento NO MUOS e la portata della battaglia in atto ci dicono che cacciare via gli americani non è soltanto uno slogan, ma un valore che ogni giorno si fa patrimonio di una popolazione fino a pochi mesi fa rassegnata, e che nuove generazioni stanno crescendo con questo obiettivo nel cuore. Non bisogna avere fretta, evitare di scottarsi e cadere nella depressione; ogni azione va calibrata, socializzato ogni passaggio di fase, rafforzata la determinazione, per conseguire, attraverso un crescendo di iniziative, compresa l’occupazione della base NRTF e del cantiere del MUOS, l’obiettivo di espellere gli americani dalla terra che fu dei padri ed ora è occupata da impianti di morte, spezzando un anello della catena militarista degli Stati Uniti d’America.

gela_1[1]

L’azione dei prossimi mesi deve muoversi sul doppio binario del rafforzamento e ampliamento del movimento, cioè delle sue strutture decentrate sul territorio – i comitati e il presidio permanente -, e su quello della pressione costante nei luoghi della militarizzazione e della morte elettromagnetica; non vi sono gerarchie di impegni e di azioni da rispettare, basta che tutte convergano nella strategia generale e nell’obiettivo principale di mandare gli americani a casa, come tante volte abbiamo gridato e cantato lungo le strade di contrada Ulmo, di Niscemi e di tutta la Sicilia.

Editoriale di Pippo Gurrieri su Sicilia Libertaria n. 330 luglio/agosto 2013

Annunci

From → Attualità

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: