Skip to content

L’USI ad Ostuni

agosto 12, 2013

Facendo seguito ad un’analoga iniziativa tarantina svoltasi in città vecchia (31 luglio) l’USI Puglia ha accentuato la sua presenza pubblica partecipando – in modo autonomo – alle iniziative svoltesi nell’ambito della liberafesta – svoltasi ad Ostuni (9/11 agosto) – allestendo un proprio banchetto ed intervenendo (nella serara di apertura e alla presentazione di un libro) dal palco.
Nello specifico ecco il, sintetico, report di Antonio Ruggiero che ha rappresentato l’USI Puglia alla manifestazione salentina.

libera1

Tiriamo un pò le somme di 2 giorni di presenza anarcosindacalista a Ostuni. La vendita di giornali e libri e’ stata assolutamente deludente ma a dire il vero non mi ci sono dedicato molto. Per il resto abbiamo suscitato consensi ed attestati di stima. Venerdì sera – 9 agosto – Ferrero dal palco ha dovuto darmi ragione su alcuni punti, taciuto su altri. Andando via si e’ fermato al banchetto, si e’ rammaricato di non aver tempo per far 2 chicchere, ha colto il senso di continuità fra la Cnt del passato, di oggi e la posizione nostra espressa. Si è augurato di trovarci più spesso dalla stessa parte. Ha fatto un pò il suo mestiere.

libera

Ieri sera (domenica 11 agosto) Roberta Nacci – combattiva portavoce del Comitato No Licenziamenti Telcom di Ostuni – ha presentato alcuni libri di una scrittrice di Ostuni, sua amica che ha insegnato in Spagna e molti paesi dell’America latina. Uno dei libri era sulla guerra civile vista dalle donne del poum ed alcune della Cnt, altri sull’America latina. Nel mio intervento ho sottolineato l’atipicità della rivoluzione spagnola rispetto all’immaginario rivoluzionario comune (presa del palazzo d’inverno, bastiglia, ecc) ma rivoluzione sociale giorno per giorno perchè ieri come oggi la terra, ogni macchinario, ogni utensile atto a produrre è nostro e va ripreso. Brevemente ho accennato ai regimi dell’America latina, dal loro esser osannati spesso da destra e da sinistra, ma per capire bisogna avere un metro di valutazione sicuro ovvero chi detiene e controlla (con la “forza” della legge) i mezzi di produzione?

Roberta mi ha risposto brevemente perchè si era 1 ora oltre il tempo stabilito. Gente del pubblico si è avvicinata, venduto un paio di giornali e discusso con alcuni, un paio mi han chiesto contatto fb uno ha voluto aiutarmi a caricare la macchina che era un pò lontana.

Nel complesso una “due giorni” sostanzialmente interlocutoria e positiva.

Annunci

From → Appuntamenti

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: