Skip to content

Io e l’ILVA: “monologo” metalmeccanico

settembre 2, 2013

«Allora, io l’Ilva la sposterei. Ma non più in qua o più in là, non in Tunisia, in Ucraina o in Groenlandia. La sposterei in alto, la solleverei sopra le nuvole». Venerdì 26 luglio 2013, alle ore 19.30 si è svolto nel patio del TaTÀ di Taranto, in via Grazia Deledda, reading e drink con Giuse Alemanno, autore di “Io e l’Ilva” (Lupo Editore, 2013), per l’ultimo appuntamento di “Città nascosta“, progetto di turismo culturale del Crest.

Io-e-lIlva-copertina-195x300

Il mestiere delle parole e il mestiere dell’acciaio si incontrano, si scontrano e si fondono in un “monologo metalmeccanico” scritto e sudato da Alemanno, che nell’Ilva di Taranto lavora dal 2001, alla conferma della sua incisività di narratore. Le sue parole superano, però, gli schemi drammaturgici e si elevano a straordinario esempio controcorrente di ironico, lucido ed emozionante impegno culturale e civile.

L’evento sarà replicato al CRAL del Comune di Milano – in via Bezzecca, 24 – mercoledí 25 settembre alle ore 17.00

Annunci

From → Appuntamenti

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: