Skip to content

Cosenza 4 settembre: precari della scuola in piazza

settembre 3, 2013

A Cosenza saremo dalle ore 10.30 in poi in piazza XV marzo (per chi non sapesse: dopo corso Telesio, nella piazza dove c’è il Rendano nei pressi del Liceo Classico Telesio).

cosenza

Nella giornata del 4 settembre, in tutte le città italiane, i precari della scuola manifestano con presidi di sensibilizzazione, davanti le sedi degli uffici scolastici provinciali e delle Prefetture.

La scelta di manifestare il proprio disappunto è legata alle drammatiche condizioni lavorative e di vita dei precari e della scuola tutta.

Malgrado gli altisonanti e roboanti proclami del Ministro Profumo, che indice un concorso per una manciata di immissioni in ruolo e della attuale ministro Carrozza, che sbandiera un numero irrisorio di immissioni in ruolo (autentiche briciole) a fronte della richiesta reale delle scuole, nulla è cambiato nella scuola italiana.

Nessuno ha avuto il coraggio, ovvero la volontà politica di annullare quello che era previsto dalla riforma Gelmini-Tremonti. I tagli alla scuola, in maniera trasversale, sono accettati da “destra” a “sinistra” con eguale entusiasmo.

La situazione nelle scuole italiane non è dunque cambiata con la fine del governo Berlusconi. Il governo Monti e l’attuale governo Letta non vogliono, ancora una volta, dire basta ai tagli, non vogliono investire sulla ricerca, sul futuro, non intendono garantire il diritto allo studio (dalle materne all’università). Questa politica decisamente anti-egalitaria penalizza, soprattutto i disabili, i migranti, chi vive in territori disagiati.

La situazione di continua emergenza (evidentemente voluta da chi ci governa) spinge ancora una volta i precari della scuola a scendere in piazza per chiedere:

1. il ritiro immediato dei tagli, risalente alla Gelmini;

2. immissione in ruolo su tutti i posti liberi e vacanti.

Ministro Carrozza non ci può illudere con le sue briciole, i conteggi statistici e le altre amenità che giustificano l’esiguo numero di immissioni in ruolo non può convincere nessuno, soprattutto chi vive la scuola.
Ancora una volta troveremo all’inizio dell’anno, cattedre vuote e ore e ore di lezione negate agli studenti.

Precari uniti contro i tagli

Annunci

From → Appuntamenti

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: