Skip to content

18 ottobre: un altro mondo è possibile!

ottobre 1, 2013

E’ un esercito in continua espansione quello dei senza lavoro, senza reddito, precari o in “nero”, costretti a lavori nocivi e pericolosi, con bassi salari e pensioni minime, dei senza casa o a rischio sfratto, della sanità negata. Tutti vittime di una “crisi” che colpisce a senso unico, allargando la “forbice” tra gli “straricchi” e il resto della popolazione.
In Spagna, in Grecia, in Turchia gli sfruttati si ribellano. E in Italia?
Non è più accettabile continuare questo massacro dei diritti e dei bisogni più elementari.
Viviamo un tempo in cui lo sviluppo tecnologico, frutto dell’intera classe lavoratrice, viene utilizzato contro i lavoratori stessi, mentre produce immense ricchezze di cui godono ampiamente i padroni dell’economia e della finanza, con la piena complicità della classe politica, approfittatrice di mestiere.
Con la pratica dell’autogestione delle lotte rivendichiamo con forza i diritti fondamentali ed inalienabili:
° Lavoro per tutti finalizzato all’interesse generale e non al profitto di pochi
° Sblocco dei contratti, come quelli imposto per decreto nel pubblico impiego
° Aumento dei salari, e delle pensioni, adeguate al costo della vita, ripristino della “scala mobile
° Riduzione dell’orario e degli anni per la pensione per una più equa distribuzione del lavoro
° Garantire a tutti l’abitazione, il servizio sanitario pubblico, l’istruzione
° Riappropriazione da parte dei lavoratori delle aziende che chiudono e delle terre incolte per attivare l’autogestione di nuove forme di produzione.
° Far pagare ai padroni il costo del disinquinamento
° Contro le guerre e le spese militari: no agli F35, no al Muos in Sicilia
° L’eguale estensione dei diritti a tutti i lavoratori, italiani e stranieri che siano.
OM1

Riprendiamo il percorso interrotto verso un “altra società” “senza servi né padroni
Lavoratori uniti, disoccupati e studenti, tutti assieme possiamo farcela.
La partecipazione alla giornata di Sciopero Generale del 18 ottobre deve essere una tappa importante, l’inizio per una riscossa generale.

Unione Sindacale Italiana USI – AIT

Annunci

From → anarcosindalismo

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: