Skip to content

Valencia: XXV° Congresso AIT

dicembre 15, 2013

Lo scorso 8 dicembre è terminato il congresso della Associazione Internazionale dei Lavoratori, alla quale la CNT-AIT aderisce insieme alle altre organizzazioni internazionali del sindacalismo rivoluzionario. Un congresso al passo con i tempi contrassegnati dalla sfida che la nuova Internazionale dovrà affrontare per espandere la sua presenza in un periodo storico estremamente difficile per i lavoratori del mondo intero.

Nel recente congresso è diventato evidente il consolidamento di aspetti organizzativi che sono fondamentali per migliorare un funzionamento interno che possa portare ad una azione più coordinata ed efficace. Gran parte degli sforzi del congresso si sono concentrati nel coordinamento dell’azione sindacale delle federazioni autonome associate. Si noti l’interesse nel mantenere una rete di lavoro internazionale coordinato per rami produttivi.

L’espansione territoriale della prassi autogestionaria continua ad essere un tema fondamentale, che si analizza di continuo, focalizzando questa volta l’orientamento verso l’Asia Orientale, con l’obiettivo di migliorare i contatti già stabiliti e introdurre le idee anarcosindacaliste dove ancora non è presente l’AIT. L’incremento in Asia dell’attività sindacale di base, al margine dei sindacati tradizionali di impostazione verticale, legati a governi e partiti, di cui la Cina è il maggior esponente, aumenta l’interesse dell’Internazionale nello sviluppo di strategie adatte al rafforzamento nella zona.

Allo stesso modo si analizza la conflittualità dell’attuale sfruttamento capitalista nel campo, che producono gravi scontri tra lavoro e capitale, denunciando secondo i criteri anarcosindacalisti, la speculazione finanziaria dei prodotti alimentari, che porta al depaueramento della popolazione mondiale. Si constata un aumento graduale di progetti libertari, indigeni, autogestionari, ecc., cosa che facilita l’interrelazione tra le iniziative di produzione e consumo in base all’ottica del comunismo libertario.

6_XXVCongAIT_CMHomerWEB_0

L’interesse che suscita l’AIT in diversi paesi diventa evidente con l’adesione – in qualità di amici dell’AIT – della FAS austriaca e della SAT della Bulgaria. D’altro lato, l’ASF australiana, in coincidenza della sua più dinamica attività sindacale, cessa di essere amica dell’AIT per convertirsi in una Sezione a pieno diritto.

Non meno importante è stato l’impeccabile lavoro organizzativo che ha messo capo al sindacato anfitrione, la CNT-Valencia, che ha permesso un ottimo sviluppo del congresso.

Essi hanno organizzato alcune giornate culturali internazionali, centrate sui temi vigenti nell’attività dell’Internazionale, che sono serviti da impulso al congresso. Sono stati trattati, tra gli altri, temi come la repressione dell’immigrazione proveniente dai paesi poveri mediante le carceri camuffate chiamate Centri di Internamento degli Stranieri (CIE), le diverse riforme economiche e del lavoro degli ultimi anni in Germania o il recupero delle imprese ed iniziative autogestinarie in tempi di crisi economica in Argentina. E’ stata anche esposta una interessante collezione di manifesti storici.

La Sezione polacca ZSP raccoglie ora il testimone del Segretariato dell’Internazionale, con cui tenterà l’ardua impresa di continuare l’espansione del sindacalismo rivoluzionaria e il coordinamento delle lotte delle diverse Sezioni.

Segretariato permanente del Comitato Confederale della CNT.

Traduzione di Antonio Vigilante

FONTE.

Annunci

From → anarcosindalismo

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: