Skip to content

Sterminio segreto

febbraio 27, 2014

“Un silenzioso sterminio è in atto nel nostro pianeta; uno sterminio condotto dalle élites al potere che si arrogano qualunque decisione sanitaria sulla popolazione globale. Ogni diritto è loro. Anche quello di vita e di morte della popolazione mondiale”

ster

C’è da rimanere sconcertati – oltre che indignati – dalla tardiva attenzione con cui i media e i commentatori, scoprono con quasi un anno di ritardo notizie già note e di grande rilevanza. Il riferimento è ad un articolo della rivista “Lancet”, segnalato nei giorni scorsi da agenzie e giornali e oggi nella rubrica di Barbara Spinelli su La Repubblica. Il saggio di “Lancet” firmato da studiosi dell’Universita’ di Oxford, Cambridge e dalla London School of Hygiene and Tropical Medicine, documenta gli effetti devastanti sulla salute, la mortalità e le aspettative di vita della popolazione greca sottoposta alle misure di austerità imposte dalla Troika europea.
La materia è inquietante e la documentazione rigorosa ma la notizia del rapporto e della pubblicazione di Lancet risale ad aprile dello scorso anno. Contropiano ne riferiva ampiamente già il 14 aprile del 2013 con il titolo “L’austerità ci ammala e ci fa morire”
Viene da chiedersi con quale attenzione importanti quotidiani e agenzie abbiamo guardato in questi dieci mesi. Quel rapporto e l’articolo di Lancet, furono infatti sia la base da cui ha preso spunto la campagna nazionale contro i tagli alla sanità in corso in diverse regioni, sia la conferma di quella chiave di lettura – sicuramente cinica ma veritiera – che abbiamo sintetizzato con “Dovete morire prima”, che a nostro avviso rappresenta l’essenza del progetto strategico della classe dominante nel XXI Secolo verso le classi subalterne. Il laboratorio e il massacro sociale sperimentato in Grecia suonano come un monito per tutti.
La riduzione brutale della salute pubblica e delle aspettative di vita, non è una bizzarria ma la conseguenza delle misure imposte da chi vede la vita e le esigenze sociali solo come costo da tagliare per destinare le risorse ad altri capitoli. Alla vigilia della pubblicazione della spending review (32 miliardi di tagli in quattro anni), bisogna guardare a quanto stanno mettendo sul piatto con occhi attenti e disponibilità alla lotta per la sopravvivenza. Non si gioca più.

FONTE

Annunci

From → anarcomedia

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: