Skip to content

22M a madrid

marzo 26, 2014

Oggi, 22 marzo, in più di un milione abbiamo portato nella “capitale del regno” il nostro disgusto e la rabbia per l’attuale situazione sociale. La CNT considera incoraggiante questa giornata di mobilitazione sociale, e ritiene che segni un prima ed un dopo, dal momento che è stata organizzata al di fuori di CCOO, UGT e dei partiti politici, e senza copertura mediatica. Il 22 marzo dev’essere il germe di una lotta continua e comune per la difesa dei nostri diritti, contro i tagli, in difesa della libertà e di denuncia della repressione. Il nostro passo seguente dev’essere il Primo Maggio e, poi, la costruzione comune di uno scenario di scontro con il potere. Per questo invitiamo tutti i lavoratori che rifiutano e sono delusi dai sindacati ufficiali, così come il movimento libertario, ad unirsi per costruire queste lotte.
22M
Questa mobilitazione ha subito una chiara censura da parte dei mezzi di comunicazione, che hanno mostrato così il loro pluralismo e la loro vocazione ad una informazione obiettiva. Queste imprese creatrici di opinione hanno tentato di passare sotto silenzio l’esistenza di questa lotta. Non le è servito a nulla, dal momento che essa di è estesa dal basso fino a diventare una realtà indubitabile, che disturba e preoccupa. Sicuramente cercheranno di distorcere i fatti e di occultare le rivendicazioni; al contrario metteranno tutto il loro impegno nel dar voce ai nostri onorevoli politici, perché ci dicano che questa non è la via giusta, e che sbagliamo a mobilitarci al di fuori dei loro dettami e delle loro farse elettorali.

Ci sembra anche vergognoso e opportunista lo spettacolo di CCO, UGT, USO e dei collettivi della Cumbre Social, che si aggiungono all’ultimo momento per salvare la situazione [traduzione incerta] e capitalizzare gli sforzi e le lotte di tutte le persone, collettivi e organizzazioni che hanno lavorato per condurre a buon fine questa mobilitazione. E’ una curiosa coincidenza la riunione di questa stessa settimana tra parti sociali e governo; un altro rozzo tentativo di coprire la loro nudità, di ottenere protagonismo e di reclamare una legittimità che nessuno riconosce loro per i loro tradimenti e la loro corruzione. Né insieme né separati [traduzione incerta]: tutti loro falliranno se ci manteniamo uniti nella lotta, in strada.

Oggi a Madrid si è fatta sentire la voce della classe operaia.

Esprimiamo anche il nostro rifiuto della militarizzazione di Madrid, con la presenza di centinaia di squadre antisommossa e la criminalizzazione preventiva di una protesta sociale legittima. Essi temono la nostra voce e pretendono di zittirla. Noi subiamo e denunciamo le loro aggressioni. Non ci fermeranno; resteremo in strada.
cnt
La CNT è stata presente alla manifestazione di oggi con un blocco formato da migliaia di militanti e simpatizzanti. E’ stata anche parte importante delle varie colonne regionali che sono confluite a Madrid. Ringraziamo tutte le persone che oggi si sono unite a noi nella lotta.

Per la rinascita della coscienza di classe confidiamo nel Primo Maggio e non nelle urne.

Solidarietà e mutuo appoggio!

Secretariado Permanente del Comité Confederal de CNT-AIT

FONTE.

Traduzione di Antonio Vigilante

Annunci

From → anarcosindalismo

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: