Skip to content

Inauguro ergo sum!

aprile 17, 2014

Qualcuno, per favore, passato il pesce d’aprile, dovrebbe cominciare a pensare la causa prima della facilità con cui una delle classi “dirigenti” più incapaci mai affacciatesi sulla storia d’Italia sta facendo a pezzettini – magari in cam-bio del solito binomio potere e quattrini – tutto quanto di buono sia stato ideato e messo in pratica in termini sanitari dal dopoguerra ad oggi.
Dopotutto se hanno l’ardire di licenziare come se nulla fosse una dipendente con esperienza ventennale solo perché è crollata dopo aver saputo della grave malattia della madre ci sarà un motivo… Un motivo scatenante esiste anche per le continue inaugurazioni di centri per l’infanzia con problemi neurologici rimasti rigorosamente chiusi (come il Koala) dopo quattro anni e passa dalla cerimonia di consegna, certamente si tratta dello stesso motivo che consente i vernissage dei Pronto Soccorso già da rifare prima ancora di essere aperti al pubblico pagante, tutta merce in bella vista nella vetrina dell’arroganza di chi sa di poter governare senza un’opposizione reale e concreta!
Sapevamo bene già quando ci dissero ai primi del novembre scorso che il nuovo pronto soccorso, i cui lavori iniziarono nel tardo 2009, poteva essere una gran cioffega dal momento che l’ala vecchia faceva acqua da tutte le parti; eppure qualche scienziato evidentemente pensava che l’accreditamento avesse riguardato solo i locali nuovi incurante del fatto che invece il pronto soccorso rimaneva uno soltanto, vecchio e nuovo…

paolaccio

E allora giù inaugurazioni, come la lettera di quell’11 novembre spedita a una lista di illustri invitati per la cerimo-nia inaugurale del 5 dicembre in cui mancava solo il cognome dei coniugi Obama. Poco dopo invece era già tutto da rifare e il 22 novembre arriva il mesto contro ordine, le forze del male pare stiano architettando manifestazioni sindacali ostili alla nomenclatura padana, meglio inviare una lettera di scuse in Regione e rivedere al ribasso la propaganda. Quatti quatti si giunse così al brindisi inaugurale del 6 dicembre, un evento più spartano dove l’unica presenza critica fu la nostra che propose una bella bevuta ai 3 milioni di Euro in meno incassati in DrG dal nostro agonizzante ospedale che dato in gestione da Formigoni alla Lega aveva già perso un mucchio di posti letto e di servizi!
Ora, perdurando l’apnea politica di un sindacato argilloso e inconsistente, non ci si può stupire più di nulla, neanche di un’apertura del PS a giugno! Anzi a pensarci bene, come testimonia un manifesto autoreferenziale fatto affiggere dalla direzione in Pronto soccorso siamo andati a scoprire che la prima inaugurazione era prevista appunto per il giugno del 2013!!! Ma attenzione, a ben guardare scoprirete ancora che il “2013” non è che una pezza aggiunta sopra la data dell’anno precedente, il 2012! Insomma, questo ed altro si può fare quando chi per ruolo istituzionale dovrebbe controllarvi è invece dedito a fare altro, magari a pensare alle prossime elezioni! Francamente noi di questa RSU del silenzio non vogliamo farne più parte. In effetti se di silenzio stampa ne abbiamo colto tantissimo da quando fu indetto lo stato d’agitazione deciso dalla partecipatissima as-semblea del 29 gennaio scaturita dal furto dell’incentivo, ci sarà pure qualche motivo. In fondo questa RSU, in questo stato agitatorio così silenziato non ha dimostrato conflittualità, anzi… dello sciopero non si è saputo più nulla, e nemmeno della sua indizione!
Le tre mensilità d’incentivo rimangono quin-di quello che sono, cioè scomparse dagli stipendi (a marzo sono stati pagati dei residui sui fondi contrattuali e sono state au-mentate di 5 unità le posizioni organizzative/capetti)! Tutto questo non è certamente una vittoria ma una sonora sconfitta.
Ma non preoccupiamoci, l’amministrazione ha diramato gli inviti per inaugurare il Koala, il famoso centro di neuropsichiatria infantile di via Ovada già inaugurato l’8 ottobre del 2010… Insomma, a grandi passi verso le im-ponderabili “fusioni” fra ospedali… e poi chissà cos’altro ancora nel mar nero dei 9700 posti letto pubblici da tagliare…

“IL PAOLACCIO”, Giornale a cura del Sindacato Autogestito S. Paolo Via A. Di Rudini 8, Milano 20142. USI SANITA’ via Torricelli 19, tel. 0289415932 Milano, Supplemento a Lotta di Classe, giornale periodico dell’USI. Reg. Trib. Milano n. 366 del 26.1.1979

FONTE: Il paolaccio Express n. 10 – Aprile 2014

Annunci

From → anarcosindalismo

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: