Skip to content

Dalla Natuzzi in lotta …

luglio 20, 2014

Riceviamo e diffondiamo il comunicato in oggetto rammentando ai lavoratori del gruppo Natuzzi in lotta che l’USI-AIT Puglia è disposta a fornir loro in qualsiasi momento copertura sindacale nel caso in cui decidessero di passare a forme di lotta più incisive miranti a colpire il padrone nel punto più sensibile: il portafogli.

gatto

MAI PIU’ ACCORDI AD NATUZZIUM

E’ dal 1996, con il Contratto di programma “Progetto 2000”, che portò nelle casse della Natuzzi 311 miliardi di vecchie Lire, passando per i vari provvedimenti di Cassa integrazione ordinaria, straordinaria, in deroga e arrivando all’Accordo di programma 2013, che Istituzioni e sindacati confederali firmano protocolli come se fossero abiti da adattare ad ogni misura e volontà dell’azienda santermana. Adesso, francamente, riteniamo sia giunto il momento di cominciare ad adottare disposizioni favorevoli ai lavoratori.

Dal 1959, anno in cui fu fondata, la Natuzzi ne ha fatto tanta di strada, affermandosi come una multinazionale quotata a Wall Street e aprendo punti vendita in ogni parte del mondo. Non va però dimenticato che il merito è anche dei lavoratori e non vanno omesse altre considerazioni: dopo anni di sacrifici e sudore, qual è lo status dei capi e quadri aziendali? Quale, invece, quello di operai e impiegati? Le loro condizioni di salute? Il loro stato patrimoniale? Le prospettive per il futuro?

Pertanto, gli scriventi ritengono che la manifestazione autorganizzata per il 22 luglio 2014 dai lavoratori della Natuzzi, per dire No agli esuberi e conseguenti licenziamenti, sia legittima e condivisibile. Per questo l’area sindacale “Il sindacato è un’altra cosa-opposizione Cgil” sarà al loro fianco, come sempre.

A quelli che in questo periodo sono alla spasmodica ricerca del padrone buono, disposto a dar vita alle tanto evocate New Co., diciamo che i lavoratori non sono buoi da portare in fiera sperando che qualcuno li compra, offrendogli per giunta un incentivo di 101 milioni di Euro. Quindi, anziché continuare in questo grottesco peregrinare, ritirassero piuttosto la firma dagli Accordi del 10/10/2013 (gli stessi che, per intenderci, formalizzano per la Natuzzi più di 1500 esuberi e solo una parte di questi riassorbibile nella nuova società) e si unissero alla lotta delle maestranze, per non consegnare un territorio desertico e mortificato alle generazioni future.

Felice Dileo Giovanni Rivecca Francesco Maresca
IL SINDACATO E’ UN’ALTRA COSA-OPPOSIZIONE CGIL

Bari Matera Taranto

Annunci

From → anarcomedia

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: