Skip to content

Report #controvertice europeo a Milano

ottobre 9, 2014

PRESIDIO E MANIFESTAZIONE DEL CONTROVERTICE DEI DIRITTI A MILANO

30F

Ci siamo trovati una città in stato di assedio oggi, 8 ottobre, a Milano, fin dalle prime ore del mattino. Polizia e carabinieri con i rispettivi blindati dislocati in ogni angolo della vasta zona presidiata, con vigili urbani ovunque a bloccare le principale strade di accesso ai padiglioni della ex Fiera e dirottare il traffico. E proprio nell’ex Fiera si svolgeva l’incontro internazionale dei capi di stato europei, programmato da Renzi, nella gestione del semestre italiano, con la sceneggiata di parlare dello sviluppo economico e della occupazione, in particolare quella giovanile.

310

Per avvicinarsi solo a piazza Turr, vicino ai padiglioni della ex Fiera, dove si era deciso di organizzare un Presidio di protesta da parte dei sindacati di base e di aree dell’opposizione sociale, ci si è dovuti a lungo intrattenere in un traffico intenso, causato dai blocchi, facendo mille manovre per superarli. Alla fine si è riusciti a parcheggiare nelle vicinanze. La piazza con gli stand, gli striscioni e le bandiere dei sindacati di base e gli interventi amplificati sul tema della protesta, man mano si riempiva. Il massimo del numero si è raggiunto con il sopraggiungere di un corteo dei centri sociali e studenti. Alla fine si potevano contare 700/800 presenze. I compagni dell’USI hanno issato le loro bandiere e distribuito il volantino predisposto per l’iniziativa.

311

La piazza era circondata e assediata da ingenti forze di polizia e dei loro blindati. Ad un certo punto si è deciso di forzare il blocco per avviare un corteo nei dintorni. Dopo una forte resistenza da parte delle forze di polizia, con qualche spintone, è stato conquistato uno spazio di movimento.

312

Il corteo gridava slogan contro il vertice europeo, contro il governo italiano e contro le forze di polizia. Ma quando si è arrivati troppo vicini al luogo dove si svolgeva la Conferenza europea, la resistenza poliziesca è diventata irremovibile: o scontro o si doveva ritornare indietro, ma per le forze in campo troppo favorevoli alle forze della repressione, si è deciso di rifluire in corteo fino alla piazza di partenza, dove si è conclusa la manifestazione con altri slogan e con un lancio di uova in faccia al presidente del consiglio Renzi, ovvero alla sua foto riprodotta in un apposito cartellone.

Enrico Moroni

313

Annunci

From → anarcosindalismo

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: