Skip to content

Renzi a Cosenza: repressione preventiva del dissenso

novembre 22, 2014

GLI SCONTRI | Lacrime e sangue alla salita del liceo

di S. Alfredo Sprovieri

Di radente tensione si è lastricata la salita del liceo. Nella ribelle Cosenza di lacrimogeni non se ne aveva memoria. Il ricordo di ieri sera, invece, rimarrà a lungo. I temuti e annunciati scontri tra manifestanti e forze dell’ordine per l’arrivo in città del premier Matteo Renzi li hanno visti in tutta Italia. Ad un ragazzo giovanissimo hanno spaccato la nuca, ma poteva andare molto peggio. Il Presidente del Consiglio si è fatto attendere molto, doveva ancora arrivare in città quando il corteo di protesta giungeva al Rubicone scelto dai tutori della forza pubblica. Il centro storico di Cosenza, dalla salita del liceo Telesio in poi, era zona rossa. Stavolta significa altro. La piazza che ospita il filosofo pensante era off limits per i manifestanti, una compatta centinaia fra centri sociali, occupanti ambientalisti precari e ultras che dopo aver risalito chiassosamente tutto il corso principale si è visti la strada sbarrata. Il dissenso non era autorizzato oltre quel valico. Un mezzo della polizia di Stato di traverso e agenti in tenuta antisommossa a fare da diòscuri al potere costituito.

Manca poco alle 18 quando i protestanti, preceduti da una fiacca panda con gli altoparlanti, arrivano in Piazza Duomo. Sosta davanti al patrimonio Unesco di Cosenza perché molti decidono all’ultimo momento utile di spostare le auto messe in sosta sui lati della chiesa in cui si sta celebrando la Virgo Fidelis, patrona dell’Arma dei carabinieri. Poi l’arrivo alla salita, davanti al liceo sono schierati altri agenti, non c’è via di fuga possibile se non quella del ritorno. A centro metri c’è la prima al Rendano, di fronte il maxischermo nella zona transennata, poi l’auditorium Guarasci già pieno alle 17 e 30. In pochi metri si gioca tutto, e tutti sono prigionieri della posizione acquisita in quel momento. Una follia.

Davanti alla zona rossa si forma un cordone di sicurezza fra i ribelli, davanti agli striscioni, da dietro arriva il bofonchio del microfono con i perché della protesta sociale, lentamente verso l’unico pertugio possibile per un’avanzata. La pressione aumenta con il passare dei minuti, si attende l’inevitabile. Le contestazioni ironiche fanno da segnale. In poco tempo si passa alle urla e agli spintoni. Due forze contrarie si fronteggiano senza particolari sussulti. Ci si calma. Dieci minuti e il ballo riparte, stavolta sono subito botte da orbi. In molti, nelle fila che accerchiavano gli scudi, vanno al contatto fisico. L’odio sociale si manifesta in modo plastico. I manganelli continuano a roteare sulle teste, dalle retrovie del corteo scintilla un fumogeno rosso sopra le teste in prima fila. Volano bottiglie di vetro sulle mura del palazzo che fa da argine ai lunghi istanti di violenza e di tensione altissima. Poi arrivano i lacrimogeni. Ti urtano addosso, poi senti il metallo contro il pavimento, la botta prima del fumo, che improvviso dal bagliore ti assale le vie respiratorie. Fasi molto confuse in cui le scie di fumo le si vede volare da una parte all’altra e poi ancora. Si fugge all’indietro, si tossisce e piegati in due si vomita nei ripari di largo Antoniozzi. Vola di tutto, anche i tavoli del bar, sembra non finire mai, ma finisce anche stavolta. Il corteo si ricompatta e ricompone i suoi passi:

– “Vogliamo diritti – ci date polizia – questa è la vostra demo – crazia”.

FONTE.

Annunci

From → anarcomedia

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: