Skip to content

Settimana lavorativa di 30 ore!

maggio 14, 2015

Continua la mobilitazione CNT per il riconoscimento della settimana lavorativa di 30 ore! I parallelismi con le entusiastiche dichiarazioni – in merito all’uscita dalla crisi – del premier Renzi, rilanciate da tutti i media mainstream, sono evidenti. La soluzione concreta potrebbe essere una sola: riduzione generalizzata dell’orario di lavoro a parità di salario. Lavorare meno lavorare tutti. Ovvero: riduzione a 30 ore delal settimana lavorativa per tutti i comparti. redazione

30h-Semanales-Manifestación-14m-v2-624x797

Con la crisi globale in atto la disoccupazione non si fermerà!

La CNT-Valencia invita a partecipare alla manifestazione contro la disoccupazione forzata e la precarietà che si terrà Giovedi, 14 maggio alle 19:30h in Plaza San Agustin.

Mentre il governo lancia una campagna mediatica per vantare un lieve calo della disoccupazione, la lettura attenta dei dati statistici, ci fa capire come non ci sia nulla di cui congratularsi. Naturalmente, tutti fingono di ignorare che, in una società che basa gran parte della sua economia nel settore dell’ospitalità e del turismo, è chiaro che la disoccupazione diminuirà in primavera e in estate prima di risalire in autunno e inverno. Così come altrettanto chiaro appare che – tra tutti i contratti conclusi nel corso del mese di aprile – ben il 91.43% erano temporanei. Una precarietà del lavoro a cui va aggiunto la terrificante situazione di molte delle 4.333.016 persone costrette alla disoccupazione, di cui solo il 55% riceve qualche tipo di sussidio mentre un ulteriore 6% tra meno di due anni avrà tale importo ulteriormente ridotto.

In questo contesto, la CNT-Valencia, si mobilita – oggi 14 maggio – per dare visibilità alla campagna per la riduzione dell’orario di lavoro a 30 ore settimanali. Il vecchio slogan del lavorare meno per lavorare tutti: che oltre ad ottenere un notevole risparmio di benefici sociali per lo Stato potrebbe generare un incremento di posti di lavoro nel settore pubblico.
Di più: significherebbe dare potere d’acquisto a milioni di persone che vivono oggi in condizioni di povertà forzata per consentir loro di accedere a beni e servizi essenziali che oggi sono negati. Cioè in ultima analisi, a stimolare l’economia. Una conquista sociale che potrebbe essere integrata da altre misure, come un reddito universale dignitoso per tutti i disoccupati oppure la possibilità di andare in pensione all’età di 55.

Ma per ottenere questo è necessario scendere in piazza e lottare in prima persona per trasformare questi propositi in una realtà concreta.
Queste sono le motivazioni per le quali la CNT-Valencia chiama la classe operaia di venire alla Plaza de San Agustin, il 14 maggio.

Federazione locale di Valencia
Confederazione Nazionale del Lavoro (CNT)

Libera traduzione di pasquale piergiovanni

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: