Skip to content

Il “G. Marconi” di Viareggio dice NO al “DDL Scuola”

giugno 5, 2015

Documento dei docenti dell’ISI “G. Marconi” di Viareggio
sul “DDL Scuola” del Governo Renzi in discussione in parlamento

noren

I docenti dell’ISI “G. Marconi”, riuniti il 30 maggio 2015, in relazione al Disegno di Legge denominato “Buona Scuola” attualmente in discussione in Parlamento, esprimono profonda preoccupazione per il fatto che il Governo Renzi, nonostante l’adesione massiccia allo sciopero e alle manifestazioni del 5 maggio da parte di tutto il mondo della scuola, voglia imporre al Parlamento l’approvazione della sua riforma della scuola che porterà un pesante peggioramento nella didattica, compromettendo per la Scuola Pubblica la possibilità di svolgere la sua fondamentale funzione formativa ed educativa. Gli aspetti preoccupanti della riforma sono molti e la rendono organicamente sbagliata e da respingere:
1) Il Disegno di Legge non prevede investimenti sufficienti nella Scuola Pubblica, i cui fondi sono stati pesantemente tagliati in tutti questi anni; mentre si stanziano soldi alle Scuole paritarie, attraverso sgravi fiscali alle famiglie fino a 400 euro per alunno.
2) In sostituzione dei fondi non erogati dallo Stato, si prevede il finanziamento delle singole scuole da parte delle imprese (che avranno sgravi fiscali e che potranno determinare la didattica) e da parte delle famiglie con forme quali lo school bonus e il 5 per mille; il che comporterà una forte differenziazione tra poche scuole con molti fondi e la maggioranza delle scuole senza finanziamenti sufficienti.
3) La riforma prevede un potere arbitrario enorme assegnato al Dirigente Scolastico, che potrà scegliere all’interno di un Albo Territoriale gli insegnanti che lavoreranno nella propria scuola, e i pochi insegnanti “meritevoli” a cui saranno destinati gli aumenti di stipendio, sulla base della valutazione delle loro capacità didattiche; questo andrà a compromettere la libertà di insegnamento stessa e scatenerà una forte competizione tra docenti, minando la cooperazione e la collaborazione che sono invece fondamentali per stimolare la didattica e la creazione di un ambiente di lavoro coeso e positivo.
4) La stabilizzazione dei precari avviene solo per 100.701 di essi (su 300.000 che lavorano attualmente nella scuola), ed è limitata a quelli inseriti in Graduatoria ad Esaurimento e ai vincitori dell’ultimo concorso; e chi sarà assunto sarà obbligato alla mobilità coatta, a fare supplenze brevi su reti di scuole e anche all’insegnamento di “materie affini” su cui non è abilitato e non ha esperienza di insegnamento, con grave danno per la didattica.
5) Per tutti gli altri precari che lavorano da anni nella scuola (gli abilitati inseriti in 2° fascia, i non abilitati inseriti in 3° fascia e i 1° fascia rimasti esclusi), non è prevista nessuna stabilizzazione e anzi, per coloro che hanno 36 mesi di servizio o li matureranno in seguito, da settembre 2015 scatterà il divieto di svolgere le supplenze come lavoratori a tempo determinato; viene così contraddetto e rovesciato il senso della sentenza europea che chiedeva la stabilizzazione per tutti coloro che avevano 36 mesi di servizio.
6) Per gli studenti delle scuole superiori, sia dei licei che degli istituti tecnici, si prevedono centinaia di ore di tirocinio gratuito in azienda, sottratti alle ore di insegnamento e senza nessuna garanzia formativa, con il rischio che diventi semplice prestazione gratuita di manodopera.
7) I riferimenti al personale ATA, sono quasi assenti, come se il ruolo di questi lavoratori non fosse essenziale al buon funzionamento degli istituti; questo mentre nella legge di stabilità si prevedono ulteriori tagli del personale ATA e una riduzione ulteriore del personale amministrativo di 2.000 unità, con il rischio di portare al collasso le scuole.
8) Nel disegno di legge si attribuiscono al governo numerose deleghe su materie fondamentali, sottratte alla discussione parlamentare.
I docenti dell’ISI “G. Marconi” esprimono quindi un parere assolutamente negativo relativamente al Disegno di Legge proposto dal Governo Renzi e si uniscono alla richiesta del ritiro immediato del provvedimento.
I docenti dell’ISI “G. Marconi” ritengono altresì che altri dovrebbero essere i provvedimenti da adottare per migliorare l’istruzione pubblica statale, in grave difficoltà dopo i tagli molto pesanti subiti in questi anni: un forte investimento nella messa in sicurezza degli edifici e nelle strutture, a partire dai laboratori; l’allargamento dell’organico con la riduzione degli alunni per classe e l’estensione del tempo pieno; la stabilizzazione di tutti i precari che ne hanno diritto, a partire da quelli con più di 36 mesi di servizio, senza distinzione tra categorie (come richiesto dalla direttiva europea); l’estensione della democrazia col rafforzamento degli Organi Collegiali.
Per attuare tutto questo i docenti dell’ISI “G. Marconi” ritengono che, per rilanciare e riqualificare l’istruzione pubblica statale, occorrano risorse economiche aggiuntive, sottratte in questi ultimi anni da tutti i governi, per riportare la spesa dell’Italia in istruzione, formazione e ricerca ai livelli della media europea.

Viareggio, 30 maggio 2015

I docenti dell’ISI “G. Marconi” di Viareggio in numero corrispondente alla totalità del Collegio dei Docenti

Annunci

From → Attualità

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: