Skip to content

Manifestazione antifascista a Firenze

dicembre 23, 2015


FIRENZE: CARICHE CONTRO GLI ANTIFASCISTI. UN COMPAGNO ALL’OSPEDALE.

Sabato 19 dicembre, nel centro di Firenze, era prevista e si è tenuta una manifestazione fascista e razzista dei Fratelli d’Italia e di Casaggi al grido di “Prima gli italiani“. Era una manifestazione a carattere inter-regionale, a conferma che ormai i fascisti di varie fazioni stanno puntando sempre più a penetrare nel capoluogo toscano.

usi

Se il fascismo un secolo fa fu reazione contro gli operai ed i contadini in lotta, oggi fascismo è soprattutto il razzismo contro quel pezzo di proletariato mondiale, che arriva numeroso nei nostri paesi europei per cercare una possibilità di sopravvivenza. E’ su questo che fasci e leghisti prosperano coagulando contro i migranti una parte significativa di disagio sociale tanto dei ceti medi impoveriti, quanto purtroppo di settori del lavoro salariato.
Per questo la contro-manifestazione degli antifascisti al corteo
fascista, non voleva essere la consunta prova muscolare, quanto
invece una presenza comunicativa in piazza Duomo e nel centro storico, con al centro le tematiche sociali che affliggono le classi subalterne, sia immigrate che locali: casa, lavoro, sanità, istruzione.

“Prima i poveri” era lo striscione principale.

C’erano i collettivi studenteschi, c’erano i centri sociali, c’era il
Movimento Lotta per la Casa, anarchIici, alcuni aderenti all’USI, il
PCL e antifascisti senza alcuna appartenenza..
Tanti ragazzi e in tutto circa 500 persone, in un sabato pomeriggio che più natalizio non si può.
Dopo due ore di presidio, fermo ma comunicativo, ad un angolo di Piazza Duomo, si è conformato un corteo del tutto pacifico, senza l’ombra di caschi, petardi, travisamenti o altro. L’intenzione era solo quella di muovere alcuni passi di corteo verso il quartiere di San Lorenzo (ad alta densità di migranti) per affermare il diritto a manifestare i valori dell’antifascismo e dell’antirazzismo.

Il corteo non ha neanche mosso mezzo passo che, praticamente senza
fronteggiamento, sono partite le due cariche violente della celere
con i manganelli che hanno colpito le teste di diversi compagni.
Uno di questi è rimasto a terra con la testa sanguinante.

Inizialmente le sue condizioni avevano destato qualche preoccupazione.
Il sospetto era che non avesse solo preso manganellate ma che avesse
battuto la nuca cadendo violentemente per terra. In realtà poi è stato ricostruito che era stato solo percosso, sia pure ripetutamente, con il manganello.
A quel punto urlando la propria rabbia il corteo ha atteso l’arrivo
dell’ambulanza e si è diretto verso il quartiere di Santa Croce non
disturbato dagli uomini con il manganello.
A fine corteo un gruppo di compagni si è recato all’ospedale Santa Maria Nuova per andare a trovare il compagno ferito e informarsi sule sue condizioni. Siamo riusciti ad avere solo informazioni indirette di persone che l’avevano visto vigile e apparentemente solo con la testa ammaccata.
Per fortuna nessuna ulteriore conseguenza.
Una giornata difficile per l’antifascismo fiorentino in un contesto
difficile per il crescere di umori razzisti e per la chiusura di alcuni spazi di agibilità politica, di cui le manganellate sono solo il fenomeno più vistoso.

Claudio Strambi
USI FIRENZE

Annunci

From → Antifascismo

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: