Skip to content

Primo maggio a Firenze

maggio 9, 2016

Tutti noi sappiamo molto bene che Non era ne facile ne scontato un probabile successo in merito all’iniziativa del “1 maggio a Firenze”. Tante erano le ragioni che nei giorni precedenti ci avevano preoccupato, così come tante erano le motivazioni che ce lo lasciavano pensare. Per prima cosa la data del 1 maggio nella nostra città era una data dimenticata, da anni non veniva più celebrata in maniera unitaria dalle realtà del territorio. A molti compagni che si sono occupati dell’organizzazione dell’iniziativa preoccupava anche la vicinanza con la giornata del 25 aprile che a Firenze ha visto la partecipazione di migliaia di persone in piazza Santo Spirito. Non era facile quindi organizzare un nuovo evento a soli sei giorni di distanza.

firenze1

Nonostante ciò l’entusiasmo di rilanciare una scadenza di lotta così importante ci ha fatto andare avanti e crederci fino all’ultimo. Abbiamo avuto ragione, le tre iniziative messe in campo dalle tante realtà sindacali, politiche, sociali e studentesche, sono tutte quante riuscite, sia a livello politico che come partecipazione.
La giornata è iniziata con un partecipato presidio davanti al supermercato della Carrefur in via Ricasoli, aperto nel giorno della festa dei lavoratori. Per quasi due ore decine di militanti hanno esposto striscioni, volantinato, parlato con le persone che entravano nel supermercato invitandole al boicottaggio. Abbiamo riscontrato una notevole attenzione alle tematiche esposte, molte persone hanno deciso di non entrare a fare la spesa e se ne sono andate con il volantino in mano, cosa ancora più importante è stata la reazione dei lavoratori del Carrefur che hanno deciso di uscire per parlare con i manifestanti e per spiegare come si trovano in situazione di ricatto e costretti a lavorare anche nei giorni festivi. La giornata è poi proseguita con le varie iniziative nei quartieri.

firenze2

Dalle 18 fino a mezzanotte alla festa in piazza de Ciompi hanno partecipato centinaia di persone. Li si sono susseguiti gli interventi delle realtà che anno promosso l’iniziativa e poi è iniziata la serata musicale. Nella piazza erano presenti i banchini dei sindacati di base, del movimento di lotta per la casa, del Collettivo Autonomo universitario, del PCL, dei Carc, dell’Usi e dell’Ateneo Libertario, dei collettivi del Galileo e dell’Alberti, dell’associazione “Firenze, le piazze degli anni ’70.

firenze

Quello di questo anno è stato il primo passo per rilanciare una scadenza come quella del 1 magio che in futuro dovrà tornare ad essere un momento di lotta unitaria tra lavoratori, studenti, migranti e disoccupati.

Annunci

From → Appuntamenti

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: