Skip to content

Alal nostra testa (come al solito) marcia il nemico

gennaio 24, 2015

Nella mattinata di ieri, come in altre simili occasioni, alla testa del corteo c’erano i sindacati con le loro belle bandierine. La loro presenza ha avuto il solo scopo di evitare che la protesta fosse indirizzata all’interno della fabbrica, ipotesi paventata in tante occasioni e rimasta solo una minaccia. Ogni qual volta i lavoratori si ribellano eccoli spuntare alla testa del corteo, non certo per garantire i più deboli, ma solo perchè Il carrozzone deve andare avanti, come i pupazzi in testa al corteo, complici di questo disastro ambientale, sanitario e sociale. Alla protesta, però, questa volta si è aggregato anche il sindaco fantasma che, oltre a spedire letterine di ringraziamento, fino ad oggi ha dimostrato tutta la sua incapacità, ambiguità e una scadente capacità di strumentalizzare i drammi altrui. Detto ciò, è importante per noi affermare la piena e sentita solidarietà per i lavoratori dell’indotto che da mesi non percepiscono stipendio. Molti di loro non erano li per manifestare con i sindacati e i politici, ma perchè davvero esasperati da questa situazione ormai arrivata al collasso. Anche per loro ci domandiamo la soluzione quale potrebbe essere? Sei decreti più una autorizzazione per la Mater Gratiae hanno dimostrato nei fatti che avevamo ragione: non c’è la volontà da parte del Governo, dello Stato, della Regione e dei politici tarantini di avviare una seria bonifica e di salvaguardare la vita e la salute, compresa quella degli operai.
tara

Ad avallare tutto ciò il settimo decreto. L’unico decreto che unirebbe tutti è un decreto salva operai e, di conseguenza, salva Taranto. Lo diciamo da tempo ormai: chiusura di tutte le fonti inquinanti e bonifica reimpiegando gli operai nelle stesse. Tante chiacchiere scritte nei decreti hanno il solo compito di prendere in giro Taranto, i suoi cittadini e tutti gli operai che in quella fabbrica ci lavorano. Tutela degli operai dunque, che attraverso i soldi stanziati potrebbero, ancora oggi, essere formati per essere reimpiegati nelle bonifiche; potrebbero essere usati per dare incentivi per uscire da quella fabbrica di morte; per trasformare l’ imprenditoria tarantina (finora mostratasi prona al grande mostro e focalizzata sulla monocultura dell’acciaio) facendo sorgere imprese e aziende a impatto zero sull’ambiente. Solidarietà, dunque, ai lavoratori che non percepiscono lo stipendio pur lavorando in condizioni di lavoro fatiscenti, ma di solidarietà non si campa. C’è una ragione che ci allontana dagli operai tarantini, non solo quelli dell’indotto: non hanno mai sfilato per denunciare il disastro sanitario dopo la pubblicazione dei dati del progetto Sentieri promosso dall’Istituto Superiore di Sanità; nemmeno quando gli studi hanno certificato che i loro figli, i bambini di Taranto si ammalano e muoiono più che altrove. Si! Siamo in disaccordo per questo e non regge più la scusa che ci sono sempre i sindacati a fare da tappo a questa sacrosanta protesta, più importante dello stipendio.

tara


Continuiamo a non capire come, dopo le vergogne emerse dalle indagini del processo Ambiente Svenduto, si possa dare credito a questi sindacalisti e politici.
Non meno clementi siamo nei confronti degli imprenditori del territorio che sfruttano i lavoratori con contratti a tempo determinato: pochi diritti e tanti ricatti. Una classe di “prenditori” a cui non interessa il territorio e che non ha la capacità di guardare oltre, di costruire alternative. L’ industria siderurgica non ha futuro se non nei sogni pindarici dell’attuale showman che si trova a governare un paese alla deriva senza essere stato eletto.

Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti

22-1-2015

Annunci

From → anarcomedia

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: